Home

conferenza su IL GIOVANE HOLDEN7 aprile 2020 - Settimana santa ai tempi del Coronavirus “a scuola”

Chissà se Salinger, avrebbe mai potuto immaginare che  un giorno, a sessant’anni dalla prima pubblicazione del suo romanzo, Il giovane Holden, in un paesino del Nord Italia, 108 studenti tra i 14  e 16 anni, delle classi IA, IB, IIA, IIB linguistico e della IC scientifico, si sarebbero incontrati per parlare di lui in un’AULA MAGNA VIRTUALE.

Chissà se avrebbe mai  potuto immaginare che avrebbero invitato, in collegamento da Milano, colui che ha ridato vita alla versione italiana del romanzo, il traduttore  Matteo Colombo.

“E’ così che se il Covid-19 ha limitato il nostro orizzonte visivo, non è riuscito a limitare il nostro orizzonte culturale - afferma l’insegnante “animatrice” dell’incontro e referente del Progetto.“Si potrà parlare di distanziamento sociale di questi tempi, ma non di distanziamento emotivo  e culturale. Non volevamo che il Progetto lettura, in cui avevamo coinvolto i nostri studenti, giunto ormai alla sua quarta edizione e   culminante, come ogni anno, nell’incontro con l’autore “in carne ed ossa”, si fermasse. Così, in accordo con la casa editrice Einaudi, non abbiamo esitato a pensare all’alternativa dell’incontro su schermo.”